Eventi

Assemblea 2017 di Obiettivo 50

Posted by Gabriella Valeri in Eventi, News

Si è tenuta giovedì 11 maggio l’annuale assemblea generale della nostra Associazione, tradizionale appuntamento annuale per ritrovarci, fare il punto della situazione e quest’anno anche procedere al rinnovo delle cariche sociali. Dopo i saluti di rito, il presidente Antonioli ha illustrato ai presenti le attività svolte nel biennio 2015-2016. Tra queste, le iniziative per l’anno dell’EXPO con le associazioni sorelle in Francia (Objectif50) e Spagna (Objetivo50), la collaborazione con Manageritalia nell’indagine sulle reti di impresa, il supporto alla partecipazione di numerosi soci come Temporary Export Manager al bando MISE (Min. Sviluppo Economico) sull’internazionalizzazione d’impresa, il progetto editoriale per la comunicazione online con pubblicazioni a cadenza regolare e nuove rubriche sul sito, e rinnovata presenza sui social media (LinkedIn e Twitter). Un focus particolare è stato dedicato alla formazione: la costituzione della O50 Academy ha riorganizzato e valorizzato le numerose iniziative di formazione, tra cui si ricordano i corsi TEMforItaly e su Start-Up (a Milano e Torino), il corso su IoT a Milano. Sono tutte attività che hanno visto attivamente coinvolti numerosi soci e hanno raccolto interesse e gradimento dai partecipanti. Per il 2017 il presidente ha poi anticipato le iniziative previste fino a fine anno, tra le quali il corso su IoT a Torino e un workshop di formazione su Lead Generation con Linkedin a Milano (entrambi a giugno), gli incontri di networking di luglio e dell’ultimo trimestre dell’anno. Uno spazio ad hoc è stato dedicato al corso “L’innovation Manager per le PMI”, che si terrà a Milano il prossimo settembre, sul quale a breve vi daremo ulteriori informazioni. Il presidente ha proseguito anticipando alcuni estratti della nuova presentazione dell’associazione, destinata ad evidenziare i punti di forza di Obiettivo50, in particolare le skills e le competenze dei soci, sottolineando che “non siamo consulenti di estrazione, ma lo siamo diventati”. Né head hunter, né associazione di categoria, Obiettivo50 rappresenta un gruppo di manager che collaborano attivamente per fare networking, valorizzare le competenze, individuare opportunità professionali. Il tesoriere Resta ha in seguito presentato il bilancio consuntivo 2016 e il preventivo 2017, con dettaglio sulle tipologie di voci di spesa, che sono stati poi approvati per alzata di mano. Si è poi proceduto al rinnovo delle cariche sociali per il biennio 2017-2018, e poiché per la carica di Tesoriere si trattava di un avvicendamento (Fabrizio Resta non si è ricandidato), è stato chiesto a Bruno Lodi di presentarsi all’Assemblea. Le successive votazioni hanno…

2016, un anno di Obiettivo50

Posted by Gabriella Valeri in Eventi

Lo scorso giovedì 15 dicembre si è tenuto il consueto incontro di fine anno tra i soci: un’occasione per scambiarsi saluti e auguri di buone feste, oltre che per fare un bilancio dell’anno che sta per concludersi. L’anno 2016 si è aperto con l’invio di un questionario a soci ed ex-soci per conoscere le esigenze più sentite in relazione all’associazione, che sono risultate essere una maggiore visibilità del sito sui media, intensificazione dei corsi interni e delle attività di networking, maggior visibilità del database dei manager nei confronti delle aziende. Diverse iniziative del 2016 sono andate proprio nella direzione di rispondere a queste esigenze, come illustrato dal Presidente Antonioli nella presentazione delle attività e progetti dell’anno 2016, tra i quali: –Una qualificata presenza online, con pubblicazioni e aggiornamenti frequenti oltre che nuove sezioni sul sito (ad es. I casi di successo-I manager di Obiettivo50 si raccontano), attiva presenza sui social network (Linkedin e Twitter), e anche offline, con pubblicazioni sulla stampa cartacea; –La costituzione di una Obiettivo50 Academy per coordinare le varie tipologie di iniziative formative (workshop, convegni e corsi); –Iniziative di networking e altre opportunità di incontro a Milano (circa una ventina nell’anno), oltre che riunioni locali a Torino e Roma; –Conclusione del progetto congiunto con Manageritalia di raccolta informazioni sulle Reti di Imprese e presentazione dei risultati in varie città; –Prosecuzione del progetto MISE avviato nel 2015, che ha coinvolto diversi soci e aziende che fanno capo a soci, in attesa delle nuove iniziative nazionali e di Regione Lombardia; –Iniziative di formazione: replica del corso TEMforITALY a Torino, corso Start-Up a Milano, corso IOT50 a Milano, workshop su Linkedin e Twitter (in 2 edizioni). Un bilancio dal segno positivo dunque, che ci fa sperare altrettanto in positivo per il nuovo anno che ci attende con uno scenario internazionale decisamente complesso. ” order_by=”sortorder” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″ display_type=”photocrati-nextgen_basic_slideshow”]   

Assemblea 2016 di Obiettivo 50

Posted by Gabriella Valeri in Eventi

Si è tenuta ieri 12 maggio l’annuale assemblea  della nostra Associazione, che è stata, come ogni anno, l’occasione per ritrovarci e fare il punto del situazione. Dopo i saluti di rito, il presidente Antonioli ha illustrato ai presenti un anno ricco di attività: i progetti e gli accordi del  2015 vanno dal corso di formazione TEM for ITALY, già replicato a Torino a gennaio 2016, ai diversi soci già operativi come TEM-Temporary Export Manager nei progetti del MISE (Min.Sviluppo Economico) per l’internazionalizzazione delle PMI, dalla collaborazione con Manageritalia nell’indagine sulle Reti di Impresa, alle iniziative per l’anno dell’Expo, anche insieme alle associazioni sorelle in Francia (Objectiv50) e Spagna (Objectivo50), e all’accordo con Confapi (ora A.P.I.), sempre sull’internazionalizzazione. Sono tutte attività che hanno visto un attivo coinvolgimento di molti soci e hanno raccolto interesse e soddisfazione in tutti gli attori interessati. Il presidente ha proseguito ricordando i servizi dedicati ai soci (la bacheca, i workshop per i neosoci e le riunioni di networking), e le attività di comunicazione dell’associazione (convegni e presentazioni istituzionali, il progetto editoriale per il sito, i contatti con le società di outplacement). Il presidente Antonioli ha infine ribadito l’unicità di O50 nel panorama associativo italiano:  non siamo né un club, né un Head Hunter, né un’associazione di categoria di dirigenti né tantomeno una cooperativa di consulenti. O50 è un gruppo di manager che vuole condividere e valorizzare le competenze ed esperienze dei soci per individuare opportunità professionali, con uno spirito collaborativo in cui tutti i soci partecipano allo sviluppo e alla buona riuscita delle attività associative. Il tesoriere Resta ha in seguito presentato il bilancio consuntivo 2015 e il preventivo 2016, approvati all’unanimità, e si è poi passati alla cooptazione nel CDA di un nuovo membro, in sostituzione di un dimissionario. L’assemblea 2016 ha dunque presentato ai soci una situazione tutto sommato positiva, cui ha fatto seguito un interessante dibattito tra i presenti sui temi caldi della vita associativa, già toccati dal recente sondaggio presso i soci. In particolare, si è parlato di comunicazione interna e dell’esigenza di maggiore visibilità di O50, oltre che delle indispensabili considerazioni che si impongono in merito al ricambio dei soci, fenomeno fisiologico ma che suscita sempre domande e riflessioni. L’assemblea si è conclusa con un momento conviviale: l’occasione per fare un meritato brindisi all’Associazione in un clima amichevole e informale. Appuntamento alla prossima Assemblea!

Obiettivo 50, si brinda a un 2015 positivo e a un 2016 che ci auguriamo ancora migliore

Posted by Gianfranco Antonioli in Eventi

Calici levati per un brindisi e panettone per tutti. E poi molte calorose strette di mano, scambi di informazioni e di esperienze e, perché no?, anche amichevole condivisione di storie personali. Il 16 dicembre si è svolto presso l’Ambrosianeum l’annuale incontro dei soci per lo scambio di auguri natalizi. Il clima, quello di un gruppo di colleghi ed amici che si ritrovano. Del resto, per Obiettivo50 i motivi per brindare, nonostante i tempi difficili in cui viviamo, ci sono davvero. Il presidente li ha elencati presentando, come sempre in questa occasione, alcuni dei risultati conseguiti nell’anno: -la realizzazione di TEMforITALY, percorso di cultura manageriale per Temporary Export Manager -l’accordo con Manageritalia per un sondaggio sulle imprese partecipanti a reti di imprese per appurare quali siano le più importanti caratteristiche manageriali richieste in questo campo (pubblicazione prevista nella prima parte del 2016) -collaborazione con Confindustria Servizi Bergamo e API-Associazione Piccole e Medie Imprese sul tema della internazionalizzazione -una intensa attività di comunicazione: sviluppo di un piano editoriale per il sito, partecipazione a convegni, presentazione di Obiettivo50 in sedi istituzionali e contatti con le società di outplacement -la presenza di due aziende di soci Obiettivo50 nell’elenco di società di servizi di Temporary Export Management segnalate dal Ministero Sviluppo Economico alle PMI nel quadro del programma di sostegno all’internazionalizzazione Il presidente ha anche ricordato i principali servizi per i soci, come la bacheca (un centinaio di annunci soltanto quest’anno), i workshop di orientamento per introdurre concretamente i nuovi soci alla realtà dell’Associazione, e le riunioni periodiche di networking nelle quali i soci, appunto, “fanno rete” scambiandosi idee, esperienze, progetti. E’ stato anche ricordato il legame di Obiettivo50 con le analoghe Associazioni in Francia e Spagna. Ambiziosi anche i programmi per il 2016, tra i quali: -la replica del percorso formativo TEMforItaly a Torino -il lancio di un nuovo programma formativo sul tema delle start up innovative -un’indagine sui soci, estesa agli ex-soci, relativa alle attese in tema di servizi associativi -l’apertura di un cantiere per sviluppare un programma formativo sulla Internet Of Things Insomma, c’è di che brindare. Anche perché il valore complessivo, stimato per difetto, delle consulenze prestate in questi anni dai soci di Obiettivo50 supera i 5 milioni euro.

Networking associativo, perchè partecipare

Posted by Gabriella Valeri in Eventi

Un incrocio di background professionali diversi, molti progetti (in corso o in costruzione), tante storie personali e un grande patrimonio di contatti: questo il networking di novembre di Obiettivo50 tenutosi giovedì scorso, con oltre 30 persone presenti nel tradizionale appuntamento mensile di incontro tra i manager associati. Per i professionisti entrati di recente nell’associazione e per quelli non ancora soci, ieri è stata l’occasione per una prima breve presentazione sullo stile dell’elevator pitch: in pochi minuti ci si racconta, in bilico tra corpose esperienze professionali, progetti avviati o in corso di definizione e bilanci personali. Anche i soci di più vecchia data hanno l’opportunità di presentarsi ai nuovi e di aggiornare gli altri colleghi con le novità professionali, ognuno evidenziando un diverso motivo di interesse nel continuare ad essere soci di Obiettivo 50. Il networking è un concetto così semplice da risultare quasi banale: ciò che fa la differenza in Obiettivo50 è che funziona davvero. Spesso si sostiene che uno dei grandi punti di forza della nostra associazione è che il singolo professionista si può presentare alla potenziale azienda cliente forte non solo della sua esperienza e know-how, ma potendo anche contare sulle risorse e competenze professionali di tutto il network. Non sono solo parole, e uno dei nostri manager ce ne ha fornito un esempio molto eloquente. Raccontando la sua esperienza, ha spiegato come in più di un’occasione la sua candidatura come consulente sia stata preferita a quella di altri professionisti proprio perchè garantiva all’imprenditore la possibilità di reperire, in tempi rapidi, altri servizi altamente qualificati necessari alla sua azienda. E così è stato: negli ambiti al di fuori dalla sua esperienza ma che si sono resi necessari per lo sviluppo dell’iniziativa aziendale, egli ha contattato altri soci che sapeva avere precisamente le competenze professionali richieste. Con grande soddisfazione di tutti: dell’imprenditore, che ha usufruito di servizi di alto livello nei tempi richiesti, dei manager che hanno trovato, e moltiplicato, le opportunità consulenziali per sé e per altri soci, e per l’associazione, che ha vista confermata la sua ragion d’essere. Ecco, questo è il vero autentico valore aggiunto del networking associativo: parte dalla condivisione delle proprie esperienze e progettualità per arrivare alla messa in comune delle opportunità. In tal modo, queste vengono potenziate e ampliate a beneficio di tutti quelli che hanno la volontà di essere presenti e di coglierle.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi